Lucca al voto: Cecchini per Santini, Sgarbi per Tambellini

Fuochi d’artificio in coda ad una campagna elettorale fin qui assai piatta e caratterizzata fin troppo da colpi bassi, accuse e acrimonia assai sopra le righe. In vista del ballottaggio di domenica 25 giugno per la carica di sindaco del Comune di Lucca, oggi Remo Santini, candidato del centrodestra e di liste civiche d’area, ha annunciato che, se sarà eletto, il suo assessore all’urbanistica, all’edilizia e all’arredo urbano sarà l’architetto Elvio Cecchini. Si tratta di un tecnico, non di un politico, di chiara fama. Cecchini è stato infatti per  tre volte presidente dell’ordine provinciale degli Architetti, nonché  coordinatore della Federazione Toscana degli organismi professionali provinciali e presidente dell’Osservatorio Lucchese del paesaggio. Cecchini è noto anche per i suoi frequenti interventi critici nei confronti della cementificazione selvaggia,

La scelta di Santini vuole confermare la sua intenzione di puntare innanzitutto sulla competenza nella composizione della squadra di governo, nella quale vuole inserire le professionalità migliori. Sa che non sarà facile convincere partiti e liste che premono per arrivare a scelte che tengano conto di percentuali, preferenze e manuale Cencelli, ma il candidato del centrodestra ricorda che fin dall’inizio aveva condizionato la sua candidatura alla possibilità di proporre un governo all’altezza della città. I più stretti collaboratori assicurano che Santini ha già individuato altre due figure di alto profilo professionale, pronte a collaborare in giunta (sembra alla sanità), nel suo staff e nelle partecipate.  Ma difficilmente i loro nomi verranno svelati prima che si conosca l’esito del voto.

Lo sfidante e sindaco uscente, Alessandro Tambellini, non sta certo a guardare. Si parla infatti di contatti con Vittorio Sgarbi, anima della lista Rinascimento Sia, il quale ha reso pubblico il suo appoggio a Tambellini. Nel ruolo di assessore alla cultura e al turismo negli ambienti del centrosinistra si indica come papabile la consigliera Valentina Mercanti, ma Sgarbi, che non nasconde il suo amore per Lucca, potrebbe essere quanto meno un collaboratore molto ascoltato. Settore del turismo e della cultura a parte, sembra che molti, se il sindaco uscente vincerà, saranno comunque gli avvicendamenti nella giunta. Certo è che nell’esecutivo sarà forte la presenza della componente genziana del Pd: oltre alla Mercanti, in giunta dovrebbe entrare (lavori pubblici?) anche il consigliere Lucio Pagliaro, uno dei più stretti collaboratori del senatore Andrea Marcucci.

You may also like...