L’uomo invisibile

Sembra impossibile ma…

Le fotografie di Liu Bolin sono tutti autoritratti, lui è l’elemento principale di ogni scatto, ma chi le guarda ha bisogno di un po’ di tempo per rendersene conto: lui è praticamente invisibile. Lo so, in questi giorni si sta parlando molto dell’artista cinese, e molti di voi conoscono già questa storia. Ma lo straordinario lavoro dell’uomo camaleonte merita di essere raccontato nel blog dell’impossibile.

Liu Bolin nasce nella provincia dello Shandong, sul mar cinese, 45 anni fa. Si diploma a Pechino dove vive e lavora. La serie Hiding the city del 1998 gli dà fama internazionale, ma la svolta per la sua arte avviene nel 2005: il Suojia Village, il villaggio degli artisti indipendenti in cui abita e lavora, viene smantellato dalle autorità. Lui per dimostrare il suo essere parte del luogo, si mimetizza con le rovine del suo studio. Nasce così la sua incredibile arte di fondere il corpo con l’area circostante attraverso un accurato lavoro di body-painting.

A fine 2008 è in Italia, ispirato da un patrimonio storico artistico unico in cui mimetizzarsi e dalla sua tutela e conservazione. Nasce così Hiding in Italy. Il rapporto con il Bel Paese proseguirà negli anni successivi con una serie di altri progetti anche nel segno dell’impegno sociale. Oltre alle foto, Liu Bolin è protagonista di performance nelle quali si mimetizza con l’ambiente “dal vivo”, come quella dell’anno scorso di fronte alla piramide del Louvre di Parigi. Negli anni l’artista è diventato un vero mago nel dosare mimetismo, trasparenza, studio delle angolazioni e tecnica fotografica, raccogliendo consensi e premi in tutto il mondo.

Se volete vedere la sua mostra, avete tempo fino al primo luglio, al Complesso del Vittoriano di Roma: oltre 70 opere “impossibili”, gli abiti di scena” per le sue performance da body-painter e filmati che raccontano come nascono le sue opere. Mi fermo qui, perché mai come in questo caso le immagini parlano più delle parole. Date un’occhiata alla clip con i suoi ultimi lavori italiani, o alla galleria di immagini di Google. Io non mi stanco di guardarle.

https://www.youtube.com/watch?v=Q4qQhwScRSE

 

In collaborazione con “L’arte di realizzare l’impossibile”- http://www.artedirealizzarelimpossibile.com/blog