Nuovo corso, la Fondazione Ragghianti cerca il direttore

L’eccezionale biblioteca dello storico dell’arte Carlo Ludovico Ragghianti, oggi curata dalla Fondazione omonima sostenuta dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, come polo di attrazione per studi qualificati nel campo dell’arte moderna e contemporanea e come sede di mostre, convegni e iniziative in grado di attirare flussi crescenti del turismo di qualità che Lucca cerca. E’ questo l’obiettivo che la Fondazione Crl si pone, convinta che le sostanziose somme destinate alla Fondazione Ragghianti possano e debbano consentire, accanto ad una maggiore frequentazione da parte degli studiosi, una più rilevante presenza di visitatori da richiamare certamente attraverso l’interesse dell’evento proposto, ma anche tramite una più sistematica, mirata e puntuale promozione.

Nell’attesa che venga individuato e nominato il direttore che dovrà prendere il posto di Maria Teresa Filieri, che ha lasciato dopo 15 anni, si è intanto proceduto a organizzare, a partire dal novembre del 2015, una serie di laboratori rivolti ai bambini e ragazzi delle scuole della provincia di Lucca. Ma il vero obiettivo è “aprire” la frequenza nella biblioteca, che dispone di 36 posti a sedere, valutando anche se sia ampliabile il numero dei giorni apertura (oggi lunedì, martedì, mercoledì e venerdì), nonché l’orario che solo per il mercoledì prevede un’apertura al mattino, dalle 9 alle 13, accanto a quella pomeridiana che va dalle 15 alle 18.

All’interno degli organi della Fondazione Crl ci si interroga infatti se un’istituzione così importante, di rilievo internazionale, non possa “produrre” di più, anche alla luce delle forti somme spese per sostenerla. Una risposta che viene cercata anche attraverso l’individuazione della nuova direzione, con la quale si dovrà discutere di progetti e programmi per l’immediato futuro, legati in particolare a proposte per una ripresa di eventi incentrati sul mondo dell’arte. Sullo sfondo anche la possibile collaborazione, se non la fusione, con il “Comitato grandi eventi” che per conto della Fondazione Crl organizza gli incontri nel complesso di S. Francesco, dove porta personaggi di fama mondiale.

Al momento la guida è affidata, in reggenza, a Giuliana Baldocchi, dipendente della Ragghianti. Ma si fa strada l’ipotesi che per la scelta definitiva possa avere ottime possibilità Elena Aiello, coordinatrice proprio del Comitato. Una decisione del genere potrebbe portare alla “fusione” tra due soggetti, con razionalizzazione della spesa a fronte di una programmazione rilanciata. I giochi però non sono ancora fatti e non pare  da escludere la possibilità che per la direzione possa alla fine prevalere l’attuale direttore della Fondazione Crl, Marcello Bertocchini.

In secondo piano sembra, al momento, l’eventualità di ricorrere ancora a un nome del mondo dell’arte e della cultura per la guida del nuovo corso della Ragghianti.